08 gennaio 2013

Troll Hunter - André Øvredal

Il recente abuso di mockumentary perpetuato negli ultimi anni mi ha portato ad evitare come la peste, e con discreti risultati, pellicole che si presentavano sotto questa forma. Talvolta però mi capita, per un motivo o per un altro, di andare contro le mie stesse convinzioni e, con non pochi dubbi, di cimentarmici.

I motivi che mi hanno portato a vedere Troll Hunter sono facilmente elencabili in: Troll a.k.a Mostri Giganti; pareri positivi letti un po' ovunque; un'insensata mia fascinazione verso la Norvegia; gli horror basati su leggende popolari e la generica e campanilistica matrice europea.

Lo "sforzo", se così si può chiamare, da me fatto si può dire essere andato a buon fine poiché Troll Hunter, cari miei Spiccetti, è davvero un prodotto sopraffino, fatto con estrema intelligenza e pieno di quei dettagli che rendono una pellicola (in particolar modo se di genere fantastico) gustosa.

La scelta dello scavare nel folklore è la prima cosa degna di nota che tengo a menzionare del film tanto che, a differenza di Cloverfield (beast-movie simile), la forte radice antropologica della figura del troll rende il tutto più affascinante e, incredibilmente, più credibile. Se poi si sommano degli scenari naturalistici pazzeschi, degli interpreti ottimi (Otto Jespersen su tutti) e delle scene azzeccate, il risultato, pari o dispari che sia, è comunque giusto. 

Non un capolavoro, questo è chiaro, ma un ottimo esempio di come sfruttare nel migliore dei modi l'escamotage del mockumentary.

IMDb 

15 commenti:

  1. A me era piaciuto tantissimo, tanto che l'ho fieramente recuperato in bluray.
    Sono contento che anche tu abbia apprezzato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero una bella sorpresa, semplice ma funzionale ;)

      Elimina
  2. Pure a me è piaciuto un sacco, divertentissimo e con un sacco di mostri. Eche razza di urli che tirano quei troll giganti!

    RispondiElimina
  3. L'ho notato proprio ieri passeggiando per il Mediawrold. Mi hai fatto venire l'acquolina in bocca

    RispondiElimina
  4. Come al solito basta che un qualche critico dica che un film è buono e tutti gli altri gli vanno dietro come un branco di pecore. Questo film è una grande boiata!
    E poi come è possibile che nessuno abbia notato che il doppiaggio è al livello di film porno anni 90?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sinceramente non capisco il tuo ragionamento perché se qualcuno lo consiglia non è detto che automaticamente mi debba piacere per forza. comunque tocca fare due precisazioni: 1) non ho mai menzionato critici, è stata una tua conclusione; 2) l'ho visto in lingua originale, come del resto il 90% dei film che vedo. poi, riprendendo il punto 2, giudicare il valore di un film solo in base al pessimo doppiaggio - che anche nei migliori dei casi reputo inascoltabile, ma per un mio limite - la trovo una cosa molto superficiale.

      Elimina
    2. Non ho detto che il doppiaggio incide sul giudizio, ma che trovo strano che nessuno lo abbia notato, non credo che tutti lo abbiano visto in lingua originale. E per quanto riguarda il punto uno mi riferisco ai voti che ha ottenuto sui più famosi siti, oltre al giudizio di alcuni commentatori qui.

      Elimina
    3. su come l'hanno visto gli altri non posso esprimermi, così come non posso sapere il perché nessuno abbia notato il pessimo doppiaggio. posso azzardare l'ipotesi che ormai lo si trascende.
      sui voti e pareri quello che posso dirti è che se sono positivi o se mi viene consigliato da gente di cui mi fido (come i commentatori), in genere vengo invogliato a vederlo. se poi mi schiero anche io tra quelli che lo reputano un bel film non vedo perché debba essere considerato un pecorone. ognuno è libero di pensarla come vuole e se tu lo reputi una boiata a me sta bene. quello che non capisco è perché ti senti autorizzato ad elevarti al di sopra degli altri reputando il tuo giudizio superiore a quello della "massa". piuttosto, dimmi il perché lo reputi una boiata (il doppiaggio l'abbiamo capito che ti ha fatto schifo) e vediamo di confrontarci invece di attaccare e appellare quelli che la vedono diversamente da te come dei pecoroni.

      Elimina
  5. Io sono l'unico all'universo a cui non piacette. l'ho trovato noiosissimo! Mah....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so che dirti, certo non ha i ritmi forsennati degli horror americani... forse sarà per quello :D

      Elimina
  6. carino ma non amo 'sto tipo di narrazione quindi sono arrivata alla fine con qualche sbadiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che è accaduto a te era il mio timore iniziale.

      Elimina
  7. Uno dei non tantissimi mocks in cui l'intelligenza non è un optional...

    RispondiElimina