14 febbraio 2013

Cloud Atlas - Tom Tykwer, Andy Wachowski, Lana Wachowski

cloud atlas
Molto molto particolare Cloud Atlas! 
Da principio non sapevo bene cosa aspettarmi e le mie speranze erano relativamente poche. Il nome dei Wachowski non era già da tempo segno di garanzia, così come quello di Tykwer del quale ho apprezzato alla follia Lola Corre e moderatamente Profumo.

Se dovessi raccontare la trama di Cloud Atlas credo che mi verrebbe un aneurisma, ma siccome è una pratica che generalmente non perseguo, vi basti sapere che è un vero casino.

Dicevo all'inizio che trattasi di un film molto particolare, dico questo principalmente perché ritrovarsi nel 2013 una pellicola che prova ad osare e riesce a stupire, senza tanti trucchetti speciali - che ci sono anche qui, ma non sono il clou -, è un qualcosa di veramente raro. Ebbene sì, cari miei, raccontare contemporaneamente 6 storie differenti, ambientate tra il passato, il presente e il futuro, immersi in scenari di ogni sorta, alcuni dei quali fantastici (nel senso letterale, cioè "appartenente alla fantastia"), è quello che io chiamo osare o, se vogliamo, cacciare fuori le palle. 

Vita, amore e rivoluzione, possibilità di riscatto e viaggio nell'animo umano.
Questo è essenzialmente Cloud Atlas.
Ed è uno spettacolo!

IMDb

16 commenti:

  1. Uno spettacolo talmente grande da coincidere con l'esistenza stessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quanto vedo pare che ti sia proprio piaciuto :D

      Elimina
  2. ci vogliono le palle sì.
    per fare un film tanto ridicolo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sei sicuro di non avere problemi con pc, tv o lettore dvd? forse sono gli apparecchi elettronici a disturbarti le visioni. perché davvero, sta cosa non si spiega ;)

      Elimina
  3. Come al solito concordo con te e Frank.
    E come al solito il Cannibale non ci ha capito una fava. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al cannibale tocca fargli vedere i film col libretto delle istruzioni :D
      (oggi lo sto blastando :D )

      Elimina
  4. Dai, mi ci metto anch'io. Sono d'accordo con Ford che è d'accordo con Frank.

    RispondiElimina
  5. io ci ho messo un po' per apprezzarlo, diciamo la prima ora...ma poi mi ha preso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si le multistorie richiedono un po' di tempo prima di diventare logiche. però poi...

      Elimina
  6. Non l'ho ancora visto perché me ne avevano parlato male. Visto i commenti lo metterò in lista ma il mio sesto senso mi dice di non aspettarmi chissaché.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pure il mio sesto senso diceva la stessa cosa...

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Secondo me la genesi di questo libro/film è andata così.
    L'autore del libro, ex rimastino fricchettoide, in fissa con gli Ozric Tenatcles, un giorno si sveglia e fa:
    -Mi piace un sacco il concetto del karma che nella vita tutto ciò che fai di buono o sbagliato te lo ritrovi prima o poi, ecc. Ma devo trovare un modo per far sembrare sta cosa frutto di una mia intuizione geniale, sennò tutti mi diranno "piacere al cazzo, so' millenni che gira sto concetto". Siccome c'ho un po' di idee, ma nessuna di queste è completa, le metto tutte insieme (e ci metto un po' di tutto: fantascienza, spy story anni'70, nuovo mondo primitivo, cinesi fotocopia ecc)e ripeto random sto concetto che mi piace tanto. Così il lettore non ci capisce una mazza (che è meglio), ma almeno il concetto gli rimane.
    Gli autori del film pure non c'avevano capito una ceppa , infatti ci si so' messi in tre per cercare di capire qualcosa di tutto l'intreccio, e alla fine hanno deciso che era neglio tenersi vaghi sull'intreccio e far passare questo "nuovo" concetto filosofico che fa tanto figo. Però non avevano troppi soldi da investire per girare tutte le 200 storie con ambientazioni diverse e hanno deciso di risparmiare almeno sul cast...e pure sul makeup, perchè infatti il trucco è di merda, tanto che i ragazzini che fanno la recita delle medie a confronto sembrano truccati dai meglio hollywood make-up artists.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te l'ho già detto perché non ti è piaciuto, ma te lo ripeto: non sei ancora pronto per un film come Cloud Atlas...

      Elimina