19 febbraio 2013

Crows Zero - Takashi Miike

crows zero
Crows Zero è la trasposizione di un manga degli anni '90 di Hiroshi Takahashi ed è puro e semplice intrattenimento.

È tipo il milionesimo film (più o meno) firmato dal grande regista nipponico, il quale, come già accaduto in altre occasioni, decide di mettere in scena l'opera in maniera fumettosa. Fumettoso è un termine che personalmente odio, ma è al momento anche l'unico che trovo veramente calzante per descrivere Crows Zero. Ambientato in una scuola che è tutto fuorché educativa, almeno in senso culturale, mantiene nell'esile trama i classici messaggi di formazione, rispetto, amicizia, responsabilità ecc. Ma non pensate che sia un qualcosa di palloso perché questi messaggi restano sempre nello sfondo, tanto che quello che ne fuoriesce sono le mega-risse surreali e, appunto, fumettose.

Crows Zero lo si può quindi identificare come un film prettamente ludico, forse troppo lungo in alcune sue parti e con stacchetti musicali dal dubbio gusto, ma comunque molto divertente.

IMDb 

10 commenti:

  1. Miike è straordinario perché riesce a fare cinema autoriale di qualità anche con i progetti più commerciali (Crows è una specie di mito generazionale in Giappone, così come son d'obbligo gli stacchetti J-Rock). Che pacchia il Giappone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa bella dei giappo è che almeno nel cinema sono senza freni. credo che l'assassina che spara con la cerbottana senza usare la bocca sia un esempio calzante :D
      (tanto per rimanere nel cinema di miike)

      Elimina
  2. Miike è in grado di regalare perle incredibili e film inguardabili.
    Questo mi pare stia nel mezzo, quindi mi sa che al momento lo lascio in standby.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be producendo migliaia di film l'anno è una cosa inevitabile. questo per via del suo essere molto goliardico e per l'enorme quantità di botte rientra, secondo me, nella schiera delle figate ;)

      Elimina
  3. ultimamente sto un po' indietro con Miike...

    RispondiElimina
  4. Bello, ennesimo centro di Miike, storia assurda e sconclusionata ma personaggi ENORMI e regia e gestione del tutto come sempre immensa. Il 2, che chiude la storia, forse è anche meglio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il secondo questa volta l'ho già preso e sono in procinto di spararmelo :D

      Elimina
  5. Pure io sto un po' indietro con Miike. Il maestro è troppo prolifico. Questo lo metto in nota

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il maestro una fabbrica di film. e meno male che negli anni ha rallentato il ritmo :D

      Elimina