26 febbraio 2013

Uomini di parola - Fisher Stevens

stand up guys
Uomini di parola (Stand Up Guys il titolo originale) è una commediola geriatrica a tinte crime.
Niente di irrinunciabile, sia ben chiaro, ma comunque guardabile e con delle gag pure simpatiche.

Il punto di forza del film è ovviamente il super trio Pacino-Walken-Arkin nelle parti di goliardici vecchietti buontemponi, che per una notte ripercorrono le baldorie del passato. Qualche scenetta riuscita la si trova, risultano anche parecchio divertenti e mi sto ripetendo, ma sappiate poi sono di grana grossa,   spesso legate al sesso e che comunque si possono contare su una sola mano.

Sotto un punto di vista tecnico siamo sullo standard pieno, la regia di Stevens (ve lo ricordate? era la spalla comica di Kyle Chandler in Ultime dal cielo) non ha alcuno motivo per essere menzionata, sia che la si giudichi da un punto di vista positivo che da uno negativo.
Anonima, piatta e lineare è il suo motto!

Si poteva chiedere di più? Da principio non è che mi aspettassi chissà cosa, anzi credo di essere rimasto anche un pelo stupito dall'auto-ironia dei protagonisti... cioè, almeno non cadono nel ridicolo.

IMDb

6 commenti:

  1. commediola geriatrica è una definizione splendida! :)
    E, nonostante tutto, sei pure riuscito a incuriosirmi. O forse è stato Walken? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io dico che è merito di walken ;)

      Elimina
  2. non ci avrei scommesso un centesimo bucato...anzi l'ho evitato proprio perchè mi dava l'idea di una di quelle robe patetiche per vecchie glorie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da prendere come un film da vedere col cervello spento, una specie di american pie coi vecchi... ecco!

      Elimina
  3. Mi associo a Poison e Bradipo. A questo punto potrei quasi quasi recuperarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti spoilero che pacino ha una gag con il bozzo nei pantaloni molto pronunciato :D

      Elimina