23 marzo 2013

È stato il figlio - Daniele Ciprì

è stato il figlio
Primo film in solitaria per Daniele Ciprì che porta sullo schermo il romanzo omonimo di Roberto Alaimo

La messa in scena adoperata da Ciprì non si discosta molto da quanto fatto in precedenza in coppia con Maresco, ovvero una messa in scena dai toni farseschi e a tratti surreale, condito da personaggi sopra le righe ed eccessivi. Non a caso la scelta di un protagonista non siciliano come Servillo è servita per marcare ancora di più il personaggio, che si deve come sforzare per apparire un siciliano verace.

La trama, pur avendo come spunto un fatto molto serio, predilige raccontare non il dramma familiare in sé, oppure la mafia o il degrado civile, quanto piuttosto il degrado materiale e morale di una società che vive quasi al di fuori (ma manco tanto) del resto del mondo. Una società dove le uniche cose che contano sono i soldi e la roba inutile... nel film rappresentate dal Mercedes comprato con "i soldi di Serenella" (figlia del protagonista ammazzata per sbaglio da due mafiosi).

È una Sicilia uggiosa e dai toni spenti quella fotografata da Ciprì, una Sicilia che non ha niente di bello (manco il sole) ma solo case popolari che cadono a pezzi, navi arenate e arrugginite e fabbriche sullo sfondo. 

Una pellicola per certi versi potente e riuscita, condito da humor nero e situazioni grottesche (ma manco tanto), interpretato magistralmente da Servillo così come dagli altri attori - vi è anche il cileno Afredo Castro - e scritto in maniera sublime e intelligente.

IMDb 

6 commenti:

  1. Visto da poco, devo dire che mi è piaciuto molto.
    Una proposta italiana finalmente interessante dopo mesi di nulla totale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni tanto anche in italia scappa un film bello :)

      Elimina
  2. La solita italianata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so in che senso intendi "italianata".
      se è per la storia hai ragione è un'italianata, ma se lo intendi per il film in sé allora non mi trovi d'accordo perché l'ho trovato molto superiore ai soliti film italiani ;)

      Elimina
  3. Concordo con Ford, un bel film. In Italia ogni tanto facciamo anche cose degne di essere viste!
    E poi a Servillo non si può non volergli bene! Ci ha regalato "gioiellini" negli ultimi anni..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. servillo è banalmente troppo bravo!

      Elimina