25 aprile 2013

A Bittersweet Life - Jee-woon Kim

A Bittersweet Life, il cui titolo coreano in realtà dovrebbe è il più felliniano Dolce Vita, è un bellissimo noir sud-coreano del regista di I Saw the Devil e Il Buono il Matto e il Cattivo, Jee-woon Kim.

Come già anticipato, il film è veramente molto bello nonché elegante, poetico, stiloso e con una fotografia contrastante (freddo-caldo) che toglie il fiato. La trama non è molto originale, siamo difatti di fronte a un film di vendetta abbastanza scontato, ma tutto ciò non è da vedere affatto come una pecca perché da quel che si può percepire sembra che tutto ciò sia voluto. L'idea del film è appunto quella di omaggiare e giocare con il genere noir, in particolare con il polar francese e ancora più in particolare con Melville. I rimandi all'autore de I senza nome sono molteplici, dal tipo di storia alla messa in scena fino alla caratterizzazione del protagonista (il bravissimo Lee Byung-hun che, tra l'altro, mi ha ricordato fisicamente un po' l'Alain Delon di Melville) e degli altri personaggi, tutti molto stereotipati e affettati nei loro rispettivi ruoli.
Molto spazio viene dato anche all'ambiente urbano, sempre inquadrato in modalità notturna (o comunque uggiosa) e che diventa personaggio a se stante.

Tutto ciò, e mi riferisco a tutti questi rimandi, non stanno ad indicare una vuotezza oppure una scopiazzatura, perché Jee-woon Kim agisce dovizia e soprattutto con molta personalità, riuscendo a dare alla pellicola una sua unica e ben distinta autorevolezza. 

A Bittersweet Life è un film da vedere e da assaporare con gli occhi... il finale è magnifico!

IMDb 

6 commenti:

  1. Kim Jee Won per me è un grandissimo e questo titolo merita parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. kim jee won è uno con un gusto e un'eleganza che riesce a tirare fuori un Film anche da storie del cazzo!

      Elimina
  2. Se me lo consigli con cotanta enfasi dovrò vederlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si vedilo, assieme agli altri del regista :)

      Elimina
  3. Ottimo titolo, girato benissimo e godurioso a livelli stratosferici!

    RispondiElimina