09 aprile 2013

DonT Stop - Richard Rericha

dontstop
DonT Stop è una piccola perla del cinema europeo che ho potuto visionare all'interno del Riff 2013 e che credo, purtroppo, non sarà così facile ritrovare in un prossimo futuro.

Siccome il film è praticamente sconosciuto si necessita raccontare un minimo di trama per far capire un po' di che si tratta (stavolta non copio/incollo dal sito del festival perché quanto scritto altera un tantinello quello che poi è la storia del film):
Siamo nella Praga del 1983, la Cecoslovacchia è una Repubblica Socialista e tutto (in particolare le cose Occidentali) dove passare sotto la scure della censura. Però nell'underground giovanile, grazie al contrabbando di dischi e a locali illegali, il punk aveva preso piede. In questo contesto si inserisce la storia di 2 giovani punk-wannabe i quali, sulla scia dei Clash, decidono di mettere in piedi una band.

DonT Stop è principalmente un film di formazione e di crescita.
I giovani protagonisti che vivono all'interno di questo ambiente estremamente chiuso e controllato non accettano l'uniformità imposta dalla società e istintivamente si ribellano come possono... o meglio provano a godersela finché dura, come esplica bene David, uno dei protagonisti, durante una scena. La temuta chiamata alla leva, la pressione dei genitori, un futuro incerto, uno Stato opprimente, la voglia di fare qualcosa (qualsiasi cosa), l'immancabile e naturale atteggiamento sovversivo dei ragazzi porta i due amici ad accelerare quel processo di maturazione che li porterà, nell'arco di pochi mesi, a dover scegliere la propria strada e i propri obiettivi.

Molto bella e soprattutto ben fatta questa piccola pellicola Ceca, interpretata in modo convincente dai giovani attori e piena di tanto, tantissimo, ritmo punk.

IMDb

Recensione presente anche su Paper Street

0 commenti:

Posta un commento