15 aprile 2013

Gli equilibristi - Ivano De Matteo

Gli equilibristi
Ivano De Matteo, noto per la sua carriera da caratterista di cinema e tv (era Puma nella serie Romanzo Criminale), è anche un bravo e sensibile regista. La cosa non è di per sé una sorpresa, nel senso che non lo è diventato così all'improvviso, tanto che Gli Equilibristi è il suo terzo lungometraggio.

Dicevo che De Matteo è bravo e sensibile.
Bravo perché ci mostra un cinema semplice, lineare, pulito e adatto alla storia che vuole raccontare. Non si lancia in ghirigori stilistici o movimenti nevrotici che potrebbero risultare fuori luogo, ma bensì in inquadrature calibrate, morbide (parecchi sono i dolly e i carrelli presenti nella pellicola) e dalle lunghe pause.
Sensibile perché racconta un dramma sociale (un uomo separato che fa di tutto per provvedere alla sua famiglia) in maniera discreta, andando a scavare nel personaggio e senza lanciarsi in patetismi, banale cronaca da “caso umano” o fattori eclatanti. Ad esempio il motivo della separazione (sul quale ci si sarebbe potuto giocare per creare quell'effetto da talk show pomeridiano) viene solo accennato e non indagato, poiché sebbene è causa della tragedia quello che ci viene raccontato, e del quale ci deve interessare, è l'effetto.

Molto bravi, sinceri e partecipi sono poi gli attori: Valerio Mastandrea, protagonista assoluto e su cui verte tutto il film - forse anche a discapito degli altri personaggio -, Babora Bobulova e la giovane Rosabell Laurenti Sellers.

Gli Equilibristi è davvero un bel dramma familiare e umano dove, tra le altre cose, viene finalmente mostrata una Roma vera e fuori dai cliché.

Plauso per De Matteo!

IMDb 


Pubblicato anche su Paper Street

18 commenti:

  1. eccone un altro da recuperare

    RispondiElimina
  2. questo avrei voluto vederlo quando uscì in sala, e poi non ci sono riuscita. ma sono convinta che valga la pena. quindi proverò a recuperare anch'io, prima o poi.

    RispondiElimina
  3. Mi accodo: non gli avrei dato troppo credito, ma a quanto leggo può sorprendermi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà pure io non gli davo credito ed è stato quasi un caso il suo recupero

      Elimina
  4. per fortuna sono riuscito a vederlo al cinema, davvero ne esci colpito, non lascia indifferente.
    Valerio Mastandrea è sempre più bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mastandrea sta raggiungendo una grande maturità artistica... è ormai una garanzia!

      Elimina
  5. è lo stesso De Matteo de La bella gente? se è lui lo recupero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è lo stesso. La bella gente me lo dovrei sparare a breve, merita?

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. La bella gente lo vidi al tff ma credo che non sia mai uscito in sala. o no? comunque secondo me merita. non un capolavoro, ma inquietante e urticante quanto basta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di nuovo? ma andiamo trooooppo d'accordo!

      Elimina
    2. e se la memoria non mi inganna l'abbiamo pure visto assieme, il film! :)

      Elimina
    3. già. una domenica pomeriggio, come gli anziani. ma al tff non vale, ché entri alle 9 del mattino e esci se va bene alle 10 di sera...

      Elimina
    4. Credo che la bella gente sia uscito direttamente in dvd... un giorno verrò anche io al tff :(

      Elimina
    5. Frank, sappi che ti aspettiamo! :)
      (io ho già programmato la settimana di ferie anche quest'anno!)

      Elimina