13 aprile 2013

I Saw the Devil - Jee-woon Kim

i saw the devil
Cattivo.
Questo è il primo aggettivo che viene in mente durante e dopo la visione di I Saw the Devil. Il thriller di Jee-woon Kim indaga a fondo proprio sulla cattiveria umana, sulla crudeltà e sul mostro che si nasconde dentro ognuno di noi.

In una Korea spietata dove la polizia è totalmente inetta, il mostro, con le sue più brutali azioni, è capace di generare solo un altro mostro. Uno sguardo se vogliamo inedito per questo tipo di film, perché non verte né sul serial killer (come ad esempio può essere Maniac) né, tanto meno, su colui o coloro che gli danno la caccia. La pellicola di Jee-woon Kim risolve anche molto velocemente il mistero e la cattura dell'assassino, ma è proprio a quel punto che scatta il surplus di malvagità, quando l'eroe diventa mostro.

Esemplari e generose le performance dei due protagonisti, il mastodontico Min-sik Choi (ovvero Dae-su Oh di Oldboy) e il glaciale Byung-hun Lee.

Un film potente che difficilmente si dimentica... e per certi aspetti tipicamente coreano - fosse stato hollywoodiano si sarebbe risolto tutto con le semplici torture. Una visione voyeuristica e morale, che disturba e ti lascia addosso un senso di fastidio anche quando il gore è ormai terminato.

Tanto per capirci I Saw the Devil fa sembrare Hostel una commedia romantica.

IMDb 

12 commenti:

  1. film enorme che si fa fatica a dimenticare! amo molto il cinema coreano, al momento secondo me girano i migliori thriller sulla faccia della terra e questo è uno degli esponenti più brillanti del genere!altro che hollywood!

    RispondiElimina
  2. I thriller koreani sono ormai diventati un must!

    RispondiElimina
  3. Davvero potente, curiosamente l'ho visto ieri sera.
    Un film che mi ha ricordato Memories of murder unito a Mr. Vendetta.
    Molto, molto tosto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film molto rock :D
      Si vede che era destino

      Elimina
  4. me l'hanno consigliato in parecchi, me lo sparo alla grande prestissimo!!

    RispondiElimina
  5. Il film mi è piaciuto molto ma il livello di torture è inferiore a quello di hostel, contrariamente a quanto preannunciato. L'unica scena fatta a cazzo è quando rapisce il "mostro" dall'auto in corsa, come diavolo fa a tenerlo buono mentre guida?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il torture è più massiccio in hostel, è una cosa giusta, io però il paragone lo intendevo più sotto un punto di vista di cattiveria e malvagità.
      a me quella scena più di tanto non mi ha disturbato. cioè per quel che si vede io presumo che il "mostro" sia più impegnato a non finire sotto la macchina (se ricordi bene quando lo afferra rimane con la parte inferiore del corpo fuori dall'auto) che a importunare il protagonista, poi il resto non ci viene mostrato quindi si può solo immaginare.

      Elimina
  6. Se non ci fossi bisognerebbe inventarti... me lo sono perso nel dimenticatoio di brutto. Corro a recuperare >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eehhh sarei proprio una grande invenzione... soprattutto da un punto di vista di design :D

      Elimina