11 aprile 2013

L'ipnotista - Lasse Hallström

L'Ipnotista è un thriller, made in Sweden, tratto dal best-seller omonimo dei coniugi-scrittori che si celano sotto il nome di Lars Kepler. Tale romanzo pare essere il primo di una serie incentrata sulle vicende del detective Joona Linna il quale, sempre secondo voci di corridoio, dovrebbe riapparire in altri 8 film. 

Tutto giocato sulla psicologia dei personaggi, sull'emotività di questi e ovviamente sulle indagini del nostro protagonista, la narrazione del film riprende molto il modus operandi del thriller nordico che, a differenza di quello adrenalinico statunitense, si prende molto tempo concedendosi tante pause andando a indugiare parecchio sull'ambiente. Nonostante queste “pause” la matassa resta comunque intricata e si fa seguire con curioso interesse, andando a colpire nei punti giusti e con le giuste tempistiche. Da questo punto di vista solo sul twist finale avrei delle riserve poiché mi è sembrato che sia stato scatenato un po' forzatamente per creare la scenetta, alla ultimo minuto, tutta action e pathos.  

La regia de L'Ipnotista è affidata a Lasse Hallström (Buon compleanno Mr. Grape, Chocolat e Il pescatore di sogni), uno che non ha certamente bisogno di presentazioni, il quale se la cava discretamente con un genere, quello del thriller, a cui non è certamente abituato. Hallström mantiene la pellicola all'interno del filone crime svedese, con ampie vedute di paesaggio cittadino, una fotografia fredda e algida e un distacco quasi emotivo della macchina da presa, la cui presenza si riesce a percepire come a voler rimarcare il suo status di spettatrice della vicenda. 

Un discreto thriller, ben confezionato, con una buona struttura degli eventi e con bravi attori.

IMDb 

Pubblicato anche su Paper Street

17 commenti:

  1. ma che stai a dì?
    è un thrillerino davvero pessimo, ai livelli delle fiction italiane... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che sia forzato in alcuni punti ok, ma proprio come le fiction italiane direi di no... almeno è girato bene :D

      Elimina
  2. Ehi, voi due!
    Decidetevi, che devo scegliere il film per stasera:
    discreto o pessimo? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici al cinema? io andrei a vedere quello di pappi corsicato ;)

      Elimina
    2. dico al cinema, esatto! :)
      ok, vado a vedere oblivion.
      Parsicato dal trailer mi sembra una cagata. del resto lei si prende un cesso in faccia, quindi ci sta.

      Elimina
    3. ahahahahah comunque dal trailer mi incuriosiva, poi chissà. aspetterò il parere di oblivion per capire se è fuffo oppure no... secondo me è fuffo :D

      Elimina
    4. ah, ma pure secondo me, non ti credere. E' che mi sembra il male minore!

      Elimina
  3. Letto il libro che ho trovato abbastanza interessante, la tua recensione mi fa ben sperare perchè se ne parla abbastanza male in giro (vedi commento di Marco Goi:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me è un film vedibile con cose interessanti. ogni tanto i comportamenti dei personaggi mettono a dura prova la plausibilità ma resta un prodotto vedibile.

      Elimina
  4. Non mi ispira per nulla, Frank. Mi spiace davvero, ma mi sa che stavolta do retta al Cannibale. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sei più il james di una volta :(

      Elimina
  5. Ho letto da qualche parte : torna a casa Lasse! lui torna a casa e si mette a fare i thriller e non quei menosissimi drammoni hollywoodiani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quanto dice è tornato proprio perché era un thriller

      Elimina
  6. a sto giro passo, faccio la figura del cucciolo cannibalizzato ma non mi ispira...

    RispondiElimina
  7. vabbè io un occhiata gliela do, tanto mica si fa del male a qualcuno :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i film non fanno male a nessuno... a parte chi li guarda!

      Elimina