02 maggio 2013

Effetti collaterali - Steven Soderbergh

effetti collaterali
Steven Soderbergh torna, con Effetti collaterali, a lavorare con lo sceneggiatore Scott Z. Burns (insieme hanno fatto Contagion che ancora non ho visto) in un qualcosa che si potrebbe identificare come: un thriller psichiatrico che sebbene sia girato molto bene e abbia dalle tematiche interessanti, ha troppo poco appeal.

L'architettura della sceneggiatura sembra fatta ad hoc per creare momenti di svolta inaspettati (siamo dalle parti del "Tadaaaam!") e anche abbastanza repentini che, per quanto possano funzionare nel caso del primo - anche grazie ad una buona mezz'ora di attese e di costruzione, sia di personaggi che di situazioni - già alla seconda e terza volta, questi "momenti cruciali", vuoi per via di leggere forzature, vuoi per via di poca credibilità che riescono a infondre, non risultano più così impattosi come dovrebbero. La pellicola inoltre fa storcere spesso il naso per via di un precedente filmico abbastanza simile che si chiama Schegge di paura... quest'ultima mia affermazione è da prendere un tantinello con le pinze perché non rivedo il film da molto però, siccome resta il fatto che l'associazione mi è arrivata in maniera immediata, per onesta di cronaca ci tengo a dirla.

Elementi narrativi a parte, è di sicuro interesse la regia di Soderbergh che, da bravo tecnico qual è, riesce comunque a costruire un'estetica pulita ed efficace basata molto sui contrasti dei toni caldi/freddi. Gli attori risultano essere "nel ruolo", almeno in termini di credibilità fisica, ma anche loro, a parte la bravissima Rooney Mara, non mi sono sembrati molto presi dalla pellicola, risultando parecchio freddini e affettati.

In definitiva questo Effetti collaterali è un thriller che viaggia sulla sufficienza, dove a momenti buoni si alternano momenti piatti e dove si percepisce una strizzata d'occhio (ma non va oltre) a Hitchcock.

IMDb

18 commenti:

  1. mmmh. Devo vederlo stasera. Soderbergh è sempre un'incognita. Spazia dal grande film alla cosuccia trascurabile all'emerita vaccata con la stessa disinvoltura con cui io mi cambio le mutande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. riutilizzando l'immagine delle mutande, il film è come se ha le mutande ferme all'altezza delle ginocchia. non si capisce se le sta togliendo o le sta mettendo... certo è che porta i calzini bianchi di spungna ;)

      Elimina
    2. che brutta immagine Frank, di qualunque materiale siano i calzini, spungna, spugna, sugna! :)

      Elimina
  2. nonostante il tuo poco entusiasmo, e nonostante contagion fosse davvero modesto, mi ispira abbastanza fiducia...

    RispondiElimina
  3. Sono fiducioso anch'io, bella la metafora delle mutande ;)

    RispondiElimina
  4. Dopo Contagion ho perso boh tipo ogni interesse per il cinema di Soderergh, sapere poi che lo sceneggiatore è lo stesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pure io dico sempre la stessa cosa, ma poi...

      Elimina
  5. Sono perplessa anch'io, dubito lo andrò a vedere al cinema, magari me lo recupero più avanti/in altro modo.. Dopo Magic Mike i miei soldi urlano pietà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pure io ho smesso di andare a vedere al cinema i film di soderbergh... questo caso è un eccezione perché era gratis :D

      Elimina
  6. visto che con Soderbergh ti puoi aspettare tutto e il contrario di tutto io credo proprio che me lo vedrò, anche solo per dirgli male:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco appieno e proprio per quanto dici mi vedrò contagion ;)

      Elimina
    2. Concordo con bradipo: Sodebergh è uno dei registi più discontinui (e sopravvalutati) al mondo, però innegabilmente questo film mi ispira. Vedremo...

      Elimina
  7. A me non ispira per nulla, ma penso lo recupererò giusto per i fordiani Tatum e Mara.
    Anche perchè solo a pensare a Knockout la voglia di vedere qualsiasi film di Soderbergh mi passa! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tatum qui non è proprio in forma. però la mara merita ;)

      Elimina
  8. giassai... ma quanto è inquietante e fica Rooney Mara?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mara è un tipetto interessante. non fica nel senso classico, ma comunque molto molto affascinante ;)

      Elimina