17 maggio 2013

También la lluvia - Icíar Bollaín

También la lluvia
También la lluvia (Anche la pioggia traducendo il titolo in italiano) è un potente ed emozionante dramma sociale a metà tra Herzog e Loach.

Ambientato durante la protesta dell'acqua, avvenuta nel 2000 a Cochabamba in Bolivia, la vicenda racconta di una produzione cinematografica che, intenta a girare un film su Colombo proprio in quei luoghi, si ritrova coinvolta nella vicenda.
La provocatoria sceneggiatura di Paul Laverty (Il vento che accarezza l'erba, La parte degli angeli) è costruita in modo tale che si vengono ad instaurare tre piani narrativi: il primo è quello meta-cinematografico dello sfruttamento degli indigeni da parte di Colombo; il secondo è quello della privatizzazione dell'acqua in Bolivia; e il terzo è lo sfruttamento delle comparse usate nel film, che vengono pagate 2$ al giorno.
Questi tre piani, immancabilmente, si vengono ad intersecare tra loro e vanno a cambiare la visione dei personaggi che si muovono nelle tre storie: il cinico produttore (interpretato da un grande Luis Tosar) che cambia radicalmente il suo atteggiamento; il giovane regista (il bravo Gael García Bernal), concentratissimo sulle sole sorti del film, che sembra non voler vedere quello che gli accade intorno ne tanto meno cogliere che anche lui fa lo stesso gioco del Governo; la comparsa (un impressionante Juan Carlos Aduviri) che si ritrova ad interpretare lo stesso ruolo, nella finzione e nella vita reale, di leader dei rivoltosi; e in aggiunta gli attori del film su Colombro che lottano tra loro facendo rivivere assurdamente le stesse posizioni dei personaggi da loro interpretati.

La regia di Icíar Bollaín è molto precisa e, nonostante la presenza di immagini emotivamente forti, con alcune al limite del documentario, non si getta mai nel facile patetismo. Regalando una visione molto oggettiva, specialmente nei contrasti interni dei cinematografari e nella loro presa di coscienza. A questo scopo risultano molto suggestive anche i parallelismi visivi tra gli indigeni di Colombo e i contadini boliviani... come a dire che nell'arco di 500 anni non è poi cambiato molto.

Purtroppo También la lluvia è un film beatamente ignorato da chi di dovere, ed è un vero peccato perché è un film che merita. Ringrazio perciò il piccolo cinema Kino di Roma, che ha avuto la brillante idea di inserirlo nella loro programmazione.

IMDb 

8 commenti:

  1. uh, grazie per avermelo ricordato, è uno di quei film che avrei voluto vedere e di cui mi ero dimenticato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prego dantès!
      purtroppo a meno che non mastichi lo spagnolo un recupero al momento lo vedo difficile :(

      Elimina
    2. lo mastico, non sempre lo digerisco :) comunque se ci sono almeno i sottotitoli (anche in spagnolo) va bene

      Elimina
    3. a parte l'italiano trovi i sottotitoli di un po' tutte le lingue ;)

      Elimina
  2. Davvero un bel film che, come dici bene, non scade nel patetismo. E per di più un film importante e impegnato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao bombus!
      si molto impegnato e anche interessante da un punto di vista di storia recente... io non sapevo nulla di questa rivolta e grazie al film almeno ora so della sua esistenza, che non è niente rispetto ad un "approfondimento" vero, ma è comunque un ottimo imput :)

      Elimina
  3. Dovrò recuperarlo: complimenti comunque, recensione molto ricca e meno "spiccia" del solito. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie james, anche se in realtà dovrei scusarmi con tutti voi... mi è sfuggita la mano

      Elimina