06 giugno 2013

Phil Spector - David Mamet

phil spector
Phil Spector è stato uno dei più importanti produttori della storia della musica, ha creato un numero incalcolabile di Hit... cioè tanto per capirci, i sound di Imagine di John Lennon e di Let it be sono opera sua.
Questo piccolo preambolo sul nostro protagonista è doveroso, poiché nel film di Mamet tutto ciò viene dato per scontato, in quando questo non biopic non verte sulla carriera di Spector ma bensì sulla sola preparazione al primo processo per omicidio del 2003. 

La trama è molto simile a quella di un B movie, ovvero: "giovane attricetta muore con un colpo di pistola alla nuca nella casa di un eccentrico miliardario, il quale sostiene di essere innocente". Ma, sebbene la base della storia sia già  di per sé interessante, Mamet preferisce addentrarsi nella vicenda in maniera più viscerale andando a scavare nella mente e nelle manie di Spector nonché in quel ragionevole dubbio che il suo avvocato difensore cerca di instillare nella giuria oltre che in sé.

Costruito come un legal drama, questo film per la Tv targato HBO, è un surplus di manichini, test ed esperti, tutto condito da originali (leggi bizzarri) monologhi di Spector e dalle sue assurde parrucche.

Mamet, nel ricostruire la vicenda seziona solo le parti che gli interessano arrivando a tagliare persino la tanto attesa sentenza, come a volersi estraniare annullando qualsiasi giudizio. Preferisce, inoltre, girare sempre intorno al punto, facendoci pervenire tutte le possibili interpretazioni, senza mai affrontarlo in maniera diretta. Tutto, in definitiva, è costruito per mantenere nello spettatore un senso di ambiguità e di dubbio.

Fuori misura e incalcolabili sono le interpretazioni sia di Al Pacino, nella parte di uno Spector chiassoso, maniacale, fragile e potente, che di Helen Mirren, nelle vesti dell'avvocato difensore, mostrata a mo' di antitesi.

Phil Spector per la sua particolarità non sarà grande cinema, ma è sicuramente grande Tv.

IMDb

Pubblicato anche su Paper Street

8 commenti:

  1. mi avrebbe incuriosito di più se si fosse concentrato sulla sua storia musicale, ma prima o poi lo recupererò comunque...

    RispondiElimina
  2. curiosa questa cosa che il meglio di sé Al Pacino lo sta dando in tv, ultimamente. lo vedrò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché che altro a fatto?

      Elimina
    2. anche You don't know Jack era tv

      Elimina
    3. ah, vero... un film che ho tra "quelli da vedere" da circa 2 anni :P

      Elimina
  3. Ce l'ho in lista da un pò: quando c'è in ballo Mamet sono sempre molto curioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamet è uno che, nel bene o nel male, deve sempre essere visto!

      Elimina