26 giugno 2013

Ricomincio da tre - Massimo Troisi

ricomincio da tre

Sient'a me Robè, tu devi uscire da qua dentro... tu, tu te ne a fuì a'cca... va in miezz'a strada, tuocca 'e femmene, vai a rubbà… 

Io più che vedere Ricomincio da tre lo vivo, e non per via degli eventi in sé, nulla o quasi di quello che succede nel film mi è capitato, ma per la comunanza caratteriale che ho con il protagonista Gaetano
Il ritrovarmi solo a pensare alla pellicola di Troisi è una risoluzione quasi catartica in determinate situazioni che mi porta a sorridere di certi miei comportamenti... insomma mi aiuta a sdrammatizzare.

ricomincio da tre
Credo che molti ormai reputino il film una grande commedia e quanti ancora l'accusano di essere un sempliciotto film dialettale mi sa che non l'hanno veramente capito così come non hanno mai capito Troisi. Le estreme implicazioni che portano il povero Gaetano a complicarsi la vita per un nonnulla, tutto frutto di pippe mentali e timidezza, sono specchio di una drammaticità di fondo che solo la risoluzione (spesso tanto strampalata quanto sincera) ci porta a sorriderne.

La famosa scena sulla gelosia è l'esempio cardine della drammaticità esistenziale della pellicola, che fa riemergere il conflitto scaturitosi tra il retaggio culturale e la voglia di una modernità (più subita che voluta), in uno scontro allo specchio dove i due Troisi si lanciano una raffica di inconcludenti frasi lasciate a metà per poi risolvere tutto, tornando da lei che aspetta, con la domanda "come di chiama quello che ha inventato la penicillina?"... a dir poco geniale... ho paura che avrei fatto un qualcosa di simile pure io, ma geniale!

Vabbè chiudo che è meglio. 
Se non avete mai visto Ricomincio da tre FATELO. 
Se l'avete già visto RIVEDETELO. 
Se avete problemi con il napoletano non fa niente, tanto Troisi gesticola così tanto che alla fine si capisce lo stesso. 

Cià!


IMDb 

10 commenti:

  1. immenso Troisi. e recensione impeccabile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero un grandissimo!

      grazie edmond ;)

      Elimina
  2. "Gaetà, Gaetanoooo, Gaetà, Gaetanoooo!!"
    Ogni sketch di questa commedia è geniale e diventa memorabile, tanto che si finisce per imparare a memoria tutto il film e citarlo involontariamente quasi quotidianamente, perchè la grandezza di troisi è creare situazioni tanto grottesche, quanto realistiche, in cui prima o poi tutti ci imbattiamo.
    Bravo Frank, bella recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "BOH! boh! mah, mah...NO!"

      grazie dottò

      Elimina
  3. conosci a lello tu? :D

    un gioiello vero, nei secoli dei secoli.

    RispondiElimina
  4. Questi sono film, non le vanzinate e cagate varie che si vedono oggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be però i vanzina all'epoca già c'erano... vacanze di natale è arrivato solo 2 anni dopo ;)

      Elimina
  5. Grazie per aver dedicato un post a Massimo. Mi sono permesso di riportarlo sul mio blog, "Amici di Massimo Troisi", al seguente indirizzo: http://amicidimassimotroisi.blogspot.it/2013/07/ricomincio-da-tre-tra-il-retaggio.html

    RispondiElimina