05 luglio 2013

Padre vostro - Vinko Bresan

The Priest's Children
Arriva dalla Croazia questa piccola commedia che prova a parlare di religione, aborto e persino pedofilia.

Credo che si necessiti il dispendio di due parole sulla trama.
In un'isoletta Croata dell'Adriatico i morti superano di gran lunga le nascite così, con l'aiuto dell'edicolante e del farmacista, il giovane prete della suddetta isoletta decide di bucare tutti i preservativi prima che gli ignari acquirenti li adoperino. Carino, eh?

Partendo da questi presupposti, anche abbastanza simpatici, Padre vostro comincia il suo percorso. La messa in piedi del piano, l'attuazione, il cercare di capire chi va con chi ecc. sono tutti escamotage che reggono bene tutta questa prima parte, la quale intrattiene e diverte in modo molto soddisfacente e presenta delle scene, sul grottesco andante, ben congegniate. Poi però, ad un certo punto, proprio quando si arriva nel classico "punto di non ritorno" (uno dei classici punti che mandano avanti qualsiasi storia narrata), arriva il benedetto intoppo che intacca l'effettiva riuscita della pellicola. In pratica, non potendo reggere per tutti i 93 minuti della sua durata, l''idea iniziale - prete che buca i preservativi - comincia lentamente a perdere colpi, la vicenda diventa gradualmente più seriosa, si insinua il sospetto che l'idea fosse solo quella e Bresan, con lo sceneggiatore Matisic, invece di affondare il coltello della satira sulle tematiche sopracitate decide di abbandonare il campo della commedia e di smorzare ogni parvenza di comicità fino a trascinarsi nella tragedia finale. 

I motivi che hanno portato regista e sceneggiatore verso questo cambio di rotta sinceramente non saprei darli, ma un paio di opzioni mi sono venute in mente:
1) non avevano la più pallida idea di come sviluppare quanto raccontato.
2) si sono cacati sotto e hanno evitato di esagerare per non infastidire. 

IMDb

6 commenti:

  1. Ce l'ho lì in attesa: dici che devo lasciar perdere per evitare un'incazzatura!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà non produce incazzature, diciamo che parte bene ma poi diventa a mano a mano sempre più dimenticabile.

      Elimina
  2. è l'animo balcanico. si tenta di ridere ma poi subentra la malinconica accettazione della morte e dell'infelicità..

    (vabè, il film non l'ho visto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm... io sinceramente ho visto più una specie di perdita di rotta della pellicola.

      Elimina
  3. Io lo devo vedere solo per il fatto che è croato. Cercherò di dimenticare la seconda parte, poi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. posso chiederti perché lo devi vedere per il solo fatto che è croato? :D

      Elimina