08 luglio 2013

The Call - Brad Anderson

the call
The Call è un thriller ambientato principalmente in due luoghi: il cofano di una macchina e la postazione di un'operatrice del 911.

Finché la storia resta ancorata a questa situazione, spostandosi in continuazione da una parte e all'altra, la struttura messa in piedi da Anderson riesce a funzionare abbastanza bene. Lascia lo spettatore senza  respiro e, soprattutto, senza la possibilità di pensare troppo a quanto sta vedendo. Le due attrici (una vittima e l'altra salvatrice), legate dalla sola linea telefonica, con la completa incertezza che hanno entrambe dell'altra e con un legame molto fragile, se la cavicchiano e portano avanti in questo gioco di rimbalzi buona parte della pellicola. La situazione però, verso il finale, precipita. Questo botta e risposta finisce, si decide di spostare i luoghi dell'azione per poter così arrivare a una conclusione e in concomitanza c'è una repentina quanto ingiustificata e assurda trasformazione della Berry, che da debole signorina del 911 si trasforma in Charles Bronson. Purtroppo entrambe le situazioni, sia il netto distacco dal modus operandi perpetuato fino a questo punto che la trasformazione, inficiano non poco il giudizio finale. Il primo ammazzando quel minimo di tensione creatosi portando a una chiusura debole quanto di poco appeal, mentre l'altro chiedendo un ulteriore sforzo di sospensione dell'incredulità.

Forse se si fosse concluso il tutto con l'incertezza totale dei due destini messi in gioco [quando lo vedrete forse capirete meglio cosa intendo], secondo me, avremmo avuto un film chicca o quanto meno più interessante. 

Brave comunque le due protagonista, Halle "non so scegliere un film da più di 10 anni" Berry e la giovane Abigail Breslin, come bravo è anche il poco sfruttato Michael Eklund nella parte del serial killer.

IMDb

5 commenti:

  1. L'ho recuperato grazie al Mulo, pensavo di posticiparlo e invece un pò di curiosità me l'hai messa.
    Dici che mi ci devo buttare in una di queste sere estive!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedilo se proprio non hai altri film oppure se lo devi guardare distrattamente!

      Elimina
  2. Sinceramente mi ispira davvero poco, anche perché la Berry mi sta sulle balle...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece avevo risposto tante speranze dopo aver letto un twitt di William Friedkin :(

      Elimina
  3. insomma mi sa che Brad Anderson ce lo siamo definitivamente giocato....

    RispondiElimina