23 settembre 2013

Rush - Ron Howard

rush
Non sono un appassionato di Formula 1, in vita mia ho visto pochi gran premi e quasi tutti in modo indiretto... ovvero mi trovavo nei paraggi mentre qualcuno li stava vedendo. Però ricordo vividamente l'incidente di Senna a Imola (come ho già detto in passato) e qualche altro episodio legato a Schumacher.
È in questo stato di quasi assoluta ignoranza che sono andato a vedere Rush...  dico quasi perché almeno la pole position so cos'è!

Non saprei dire quanta reale rivalità ci fosse tra i due piloti, credo che la mano drammaturgica abbia calcato un po' la mano e che Morgan l'abbia portata fino al massimo possibile per creare una sorta di mitologia, cosa che ai fini del racconto è anche accettabile soprattutto considerando gli intenti rievocativi di un periodo irripetibile. Howard da parte sua si concentra molto sulle due distinte personalità di Hunt e Lauda, sulla loro vita privata e sul loro differente modo di affrontare la vita, la morte e quindi le corse. La Formula 1, le gare e tutto ciò che vi è dietro sono però relegate a mero sfondo. Uno sfondo che, per carità, è molto ben fatto, ricostruito alla perfezione e quant'altro ma resta pur sempre tale, ovvero un contorno.

Pochi (o comunque molto meno di quanto mi aspettassi) sono i minuti donati all'azione, con i rischi e le pericolosità della corsa che restano, in linea di massima, quasi sempre verbali. Se ne parla tanto ma quel che si vede e percepisce è un po' poco. Detto ciò, per quanto Rush sia indubbiamente un bel film che si fa seguire molto volentieri, abbia ottimi attori (Brühl su tutti) e una fotografia perfetta e tutti i nessi e connessi, è emozionalmente carente. Quel che gli manca, a mio avviso, è l'entusiasmo, la passione e l'amore verso questo sport.

Rush è un film con una confezione impeccabile ma è, al tempo stesso, fin troppo didascalico e freddo.

IMDb

16 commenti:

  1. di Howard io preferisco il papero. Non avevo aspettative su sto film e, leggendo le recensioni in giro, direi che avevo ragione anche se sembrerebbe essere meno peggio di quanto pensassi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheheh cazzo howard il papero!
      comunque rush merita di essere visto, prova a dargli una chance ;)

      Elimina
  2. Pensa che io invece l'ho amato alla follia. Un film un po' old style, senza dubbio, ma dalla confezione impeccabile ed il cast eccellente. E sono riuscita persino ad emozionarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sulla qualità tecnica non ci sono dubbi che sia bello, alcune immagini ricostruite sembrano di repertorio. però non mi ha coinvolto più di tanto :(

      Elimina
  3. E' uno dei pochi film che mi proporrebbe il mio fiancé. Quindi mi sa che andrò a vederlo. Se sono sopravvissuta ad Angeli e demoni, ne uscirò viva anche questa volta! :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè credo che sia almeno 10 spanne sopra angeli e demoni, dico credo perché dopo aver visto il codice da vinci il sequel me lo sono risparmiato volentieri.

      Elimina
  4. Io l'ho trovato magnifico. E' un film emozionante, misurato, senza esagerazioni tipicamente hollywoodiane e sorprendentemente realista: forse il fatto di non essere appassionato di Formula Uno ti ha impedito un coinvolgimento pieno... io mi sono commosso nel finale, quando le immagini reali dei due piloti si mescolano con la fiction.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. potrebbe essere che il non aver vissuto quel periodo mi abbia influenzato così come il non essere un appassionato (anche se il documentario su Senna mi ha commosso non poco). comunque non mi ha esaltato, l'ho vista più come una ricostruzione distaccata che come un film coinvolgente.
      ti dirò di più, quelle immagini reali sul finale mi hanno fatto cadere un po' le braccia... :P

      Elimina
  5. Sono molto, molto curioso.
    Ho aspettative altissime, da appassionato di Formula Uno ma anche da amante del Cinema made in USA.
    Speriamo bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero per te che ti possa piacere. io ad essere sincero con ron howard parto sempre molto prevenuto perché, sebbene faccia film impeccabili, li trovo sempre troppo scolastici e con un epica costruita a tavolino... poi non so, possono essere anche dei miei preconcetti.

      Elimina
  6. Per me la prima metà del film è noiosa perché i personaggi sono troppo stereotipati e i dialogi idioti, poi però le gare sono spettacolari e al tempo stesso hanno un buon realismo, quindi diventa un ottimo intrattenimento. Finale di nuovo con dialoghi stupidi. Dire che è un bel film mi pare eccessivo, per me è strappa la sufficienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. almeno sul livello tecnico supera di molto la sufficienza. a me le scene delle gare mi sono sembrate un po' buttate via e sebbene siano abbastanza fighe, non ho per niente sopportato gli inserti dei motori in CGI.

      Elimina
  7. Ron Howard E' old style nel suo modo di fare cinema, ma a me di solito piace.. non sono ancora riuscita a vedere Rush, ma il fatto che la formula 1 non occupi come sport tutta la scena, ma sia il contorno di una storia umana, per me è un plus dato che la F1 non mi fa impazzire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la F1, almeno in teoria, dovrebbe essere una cosa ben distante da quella che è oggi... cioè all'epoca si moriva facile quindi le gare prendevano tutto un altro sapore. riguardo howard è parecchio old style e per certi versi ci sta pure bene, ma a volte è solo forma fine a se stessa.

      Elimina
  8. Mi intrometto... Io sono una appassionata di macchine (di Formula 1, rally, raid, tutto, qualsiasi cosa abbia da due ruote su e un motore mi fa impazzire) ed ho amato moltissimo Rush. Avevo aspettative alte e stavo lì col ditino alzato pronta a beccare qualsiasi cagata. Non ne ho trovate. Probabilmente mi è piaciuto molto perchè amo i motori (gli interventi ella CGI mi han dato fastidio però) ho trovato bellissime le scene di macchina PROPRIO PERCHE' non sono esagerate, semplicemente era così. La rivalità tra i due è stata un tantino esagerata, ma nn molto, così coe i due caratteri sono stati un po' estremizzati, ma non di molto.
    Che dire? Per me è bello ed emozionante... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le intromissioni sono sempre ben accette!
      Io comunque non volevo scene di macchina esagerate, ma semplicemente più scene di macchina e di incidenti (almeno di quelli che menzionano). Insomma volevo vedere di più dei gran premi e non solo dei cartelli. Poi non saprei, io ho come percepito che dietro tutta l'operazione non ci fosse passione per quanto raccontato, l'ho trovato più come un compitino, bello da vedere, ma senza anima.

      Elimina