24 ottobre 2013

Gli amanti passeggeri - Pedro Almodóvar

gli amanti passeggeri
È bruttarello! 

Non che, date le premesse, mi aspettassi chissà quale capolavoro ma, sinceramente, dal regista di film splendidi come Tutto su mia madre o Donne sull'orlo di una crisi di nervi o ancora Parla con lei mi aspettavo molto di più rispetto a questo sfacelo.

Gli amanti passeggeri doveva forse essere una sorta di passatempo per Almodóvar, una specie di vacanza cinematografica con la quale divertirsi e riversarci dentro tutto il trash, la volgarità o la sfacciataggine perversa che si è intravista nei lavori passati e che molto probabilmente aveva trattenuto. Peccato però che non faccia in alcun modo ridere, che non abbia una vera trama né tanto meno personaggi. Tutto è molto blando e quasi lasciato al caso, le caratterizzazioni sono solo accentuate e la trama è un mix di soap opera, parodia dei film sui disastri aerei e soft porno. 

Si passa da drammi a scene di cattivo gusto come se nulla fosse e vi si accenna anche un commento politico sulla corruzione e la crisi economica. 

Caro Pedro, il messaggio che lanci l'ho capito. Ho capito che "bisogna vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo" ma la prossima volta limitati ad un cartello di 30 secondi piuttosto che a questo strazio.

IMDb

15 commenti:

  1. più che un film, una farsa...

    RispondiElimina
  2. Me lo sono risparmiato.
    Peccato, perchè un tempo Pedrito era davvero grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mantieni il ricordo del caro Pedro e non vederlo mai ;)

      Elimina
  3. Almodovar mi piaceva tantissimo. Già il suo precedente "la pelle che abito" non mi aveva entusiasmato, ma qua davvero, siamo di fronte ad un'immensa delusione, un film fuori tempo massimo.

    RispondiElimina
  4. Ti dirò, a me invece ha anche abbastanza graducchiato. Non un capolavoro ma, se non si pensa a chi c'è dietro la MDP, passa e va in maniera indolore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non ci fosse stato almodovar dietro la mdp il film non l'avrebbero mai prodotto a nessuno!

      Elimina
  5. Io ho riso un sacco! L'ho vissuto come un passatempo e nulla più, però mi ha divertito eccome!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che dire, per me è stata una visione soffertissima

      Elimina
  6. Avevo apprezzato 'La pelle che abito', film imperfetto ma coraggioso per argomento e stile. Qui invece Almodòvar si ripiega su se stesso, cercando senza fortuna di rinverdire gli anni d'oro degli esordi. Ma il tempo (soprattutto QUEL tempo) passa anche per lui, e quel cinema folle, stralunato, impertinente, grottesco degli inizi, ormai ha lasciato il passo alla trivialità più greve. Vorrebbe essere giocoso, invece è solo volgare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu sei il primo che dice di aver apprezzato "la pelle che abito", sinceramente mi incuriosiva poco e dopo essermi scottato con questo credo che rimanderò ancora un altro po' il suo recupero :p

      Elimina
  7. Decisamente, condivido con il tuo parere, non all'altezza di tanti suoi capolavori, gli preferisco donne sull'orlo di una crisi di nervi, quello SI che era divertente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. donne sull'orlo di una crisi di nervi è tipo 20 spanne sopra questo... ma non c'è proprio partita! ;)

      Elimina