08 ottobre 2013

La Casa - Fede Alvarez

la casa
Come già sapete, a patto che seguiate il blog, io in genere non sono contrario ai remake dei film horror, per quanto gloriosi essi siano. Già in precedenza ho esternato questo pensiero e, sempre in tale occasione, stilai tra i commenti quelle che secondo me sono le tre regole fondamentali che rendono il remake dei film paurosi una cosa buona e giusta. 
Le regole erano queste:

1. Essere veramente degni dell'originale.
2. Non essere operazioni inutili come Quarantine
3. Michael Bay deve essere preventivamente allontanato dal progetto.

Premettendo sempre e comunque che l'originale La Casa firmato da Sam Raimi sia inarrivabile, questa nuova versione del 2013 dell'uruguaiano Alvarez vale la visione e si becca la mia approvazione (che non vale niente, ma fatemelo credere).

Alvarez gioca molto con l'originale con tanto di richiami e omaggi ben posizionati durante tutta la durata del film, mantenendone in parte anche l'ironia (anche se questa è molto più velata rispetto a Raimi). Ho apprezzato molto la scelta di avere come protagonista una donna, brava Jane Levy nel reggere il ruolo, e, dulcis in fundo, il finale è da standig ovation... sì, a me bastano ettolitri di sangue sparso sulla scena per far scattare l'applauso.

Si nota insomma che Alvarez non è un mero artigiano messo lì a caso, ma un vero e proprio fan del film di Raimi e, in quanto tale, ha portato avanti il suo compito con il dovuto rispetto, riuscendo nell'ardua impresa di non far cadere tutta l'operazione nel ridicolo.

Unica pecca? L'odiosa storiella sulla droga e la mamma in manicomio.

IMDb

13 commenti:

  1. Anche a me non è affatto dispiaciuto, storiella della droga compresa. ;)
    Non sarà mai l'originale, ma almeno è degno di visione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la storiella moralista si poteva evitare e risparmiarci almeno 20 minuti di nulla assoluto :D

      Elimina
  2. Bello bello. Molto convincente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero? mi aspettavo cose brutte e invece...

      Elimina
  3. Una piacevolissima sorpresa, contando il fatto che ero partito molto prevenuto.

    RispondiElimina
  4. Sono perfettamente daccordo! Un ottimo remake e un bel film Horror. Alvarez ci sa fare e gioca ottimamente con l'originale. Ne risulta un film con un impatto visivo e un ritmo davvero notevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alvarez ha optato per un remake intelligente e i risultati si vedono.

      Elimina
  5. Mah a me è sembrato né carne né pesce, nel senso che quelle caratteristiche che hanno reso grande il film di Raimi qui mancano quasi del tutto ma llo stesso tempo non è stato fatto neanche qualcosa di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le caratteristiche del film originale vengono inserite più come un omaggio, il resto è un compito riuscito. certo non sarà l'horror dell'anno, ma sia nell'ottica del remake che come film horror in sé, secondo me, è un prodotto più che discreto.

      Elimina
  6. Ero molto prevenuta nei confronti di questo remake, ma concordo con te, il film e' degno di visione. La storiella sulla droga, rende piu' facile fare sembrare pazza la protagonista, ma e' tranquillamente eliminabile. Il finale fa presagire un possibile seguito ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per quel finale l'unico seguito è Carrie :P

      Elimina
    2. beh, si e' visto il Bruce per qualche secondo .... :-p

      Elimina