12 novembre 2013

Apache - Thierry de Peretti

apache
Apache, presentato nella Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2013, è il film di debutto del regista Corso Thierry de Peretti.

La pellicola è un film di formazione, il cui passaggio dal gioco all'età adulta affrontato dai giovani protagonisti, viene segnato da un futile atto criminale. Thierry de Peretti costruisce la pellicola rifacendosi a molti film di ambientazione periferica, per assonanza mi è venuto alla mente L'Odio, solo che in questo caso la periferia raccontata dal regista non è una banlieue parigina ma bensì quella corsa, con i suoi contrasti netti tra il lusso turistico e il degrado.

Una vicenda pregna di realismo, che quasi a fatica cerca di avanzare e trova un po' di limiti nei giovani personaggi messi in campo. Questi, almeno nella parte iniziale, sembrano essere interscambiabili e per il resto della pellicola non delineano mai dei veri e propri caratteri, la cui mancanza, in concomitanza al loro agire alla cieca o senza apparente motivo, tende da un lato a spiazzare (logicamente parlando tutto ciò che fanno non ha senso) e dall'altro a inquietare per via dell'imprevedibilità assoluta.

Un film comunque interessante, con una Corsica inedita e spogliata delle sue bellezze e dei suoi topoi, con messaggi di lotta di classe e di disagio sociale e un finale che se non fa discutere quantomeno fa pensare.

IMDb

4 commenti:

  1. Speravo fosse meglio, ma se lo pesco in giro me lo vedo comunque volentieri.

    RispondiElimina
  2. spero che riusciate a trovarlo in qualche modo :)

    RispondiElimina