02 novembre 2013

La città si difende - Pietro Germi

Nel 1951 Pietro Germi firma la sua quinta regia con La città si difende tornando alle tematiche poliziesche/noir dei suoi primi due film.

La città si difende, scritto assieme a persone come Fellini, Pinelli e Comencini, comincia come un classico noir di stampo americano, la rapina iniziale ricorda molto quella di Rapina a mano armata che Kubrick girerà nel 1956 e sotto il punto di vista formale della messa in scena c'è una forte solidità al genere di appartenenza. Il problema, se così si può chiamare, è la deriva narrativa della storia che dopo il fulmineo inizio comincia ben presto a carezzare i toni della morale, della retorica e del sentimentalismo. "Deriva" forse causata dall'intento di voler far collimare tematiche neorealiste. 

Ci fosse stata una maggiore sobrietà forse oggi staremmo gridando al capolavoro, in fondo la crudezza della vicenda, il discreto ritmo, almeno un paio di scene indimenticabili e un finale impietoso ci sono e danno valore alla pellicola. 

Non è un capolavoro ma comunque è da vedere.


IMDb 

2 commenti:

  1. mmmh me lo segno e lo recupero, grazie di averne parlato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di germi tocca, nel bene e nel male, recuperare un po' tutto!
      grazie a te ;)

      Elimina