08 novembre 2013

Quando eravamo re - Leon Gast

Quando eravamo re è a tutti gli effetti il racconto di un'avvenimento epico e oggi irripetibile.

Kinshasa, Zaire, 1974.
Due uomini, uno l'esatto opposto dell'altro sotto ogni punto di vista: politico, patriotico, religioso, sportivo, fisico, ideologico e personale. Muhammad Alì contro George Foreman, Davide contro Golia, il vecchio contro il giovane, la tecnica contro la forza bruta.

Alì non aveva alcuna chance di battere Foreman, la fisicità di quest'ultimo era troppo preponderante e troppo massiccia. Una vera montagna di muscoli da abbattere. Le impressionanti sessioni di colpi al sacco, pesanti, violente, letali, portaronosempre di più i presenti a questa convinzione i quali, a loro volta, non comprendevano gli allenamenti dello sfidante che si faceva travolgere dai pugni degli sparring partner. Qualcuno arrivò addirittura a pregare Foreman di non uccidere Alì.

L'incontro alla fine giunse alle 4 di notte del 30 ottobre. Lo stadio di Kinshasa gridava "Alì, bomaye" ("Alì uccidilo") nonostante questi stette per quasi tutto l'incontro schiacciato sulle corde a prendere cazzotti. Alì sotto quei macigni continuava a provocare Foreman e a ogni provocazione i colpi erano sempre più nervosi e carichi di energia. Un'energia dirompente e brutale che all'ottavo round finì e Foreman andò giù.

L'incontro, valido per il titolo, trascende il mero aspetto sportivo e diventa rappresentazione del tutto, del riscatto dei neri che innalzano lo sfidante Alì come simbolo di una rivalsa contro l'uomo bianco, anche se questo è rappresentato da Foreman, anch'egli nero. Un simbolo, quello di Alì, di tenacia, pazienza e riscatto, ottenuto non per grazia divina ma con mero sacrificio e spirito di adattamento, arrivando cambiare in toto il suo modo di boxare ovvero a rinnovarsi per sopravvivere.

Un incontro leggendario!

IMDb

Come approfondimento consiglio la lettura del bellissimo libro La Sfida di Norman Mailer, una cronistoria dettagliata di tutti quei mesi passati in Zaire.
«Quando mancano solo pochi secondi, Foreman tira il pugno piú forte di tutto il match, un gancio sinistro potente come un treno, che solca la notte con il suo passaggio. È stato appena un po' troppo lento. Ali lo lascia passare nel modo languido e senza fretta di Archie Moore che osserva un gancio mancare il suo mento di un centimetro. Mancando l'impatto, Foreman perde l'equilibrio al punto che Ali potrebbe gettarlo attraverso le corde. - Niente, - dice attraverso il paradenti. - Non hai mira».

5 commenti:

  1. wow non lo conoscevo questo film, me lo segno :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un documentario davvero molto bello!

      Elimina
  2. Grandissimo... film visto tanto tempo fa, è una figata allucinante, è fatto benissimo, vivi davvero il "Rumble in the Jungle". Devo ancora leggere il libro però... Cmq complimenti anche per l'articolo, ispira, ispira proprio come il film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie simone! il libro te lo consiglio, perché racconta di tutto ciò che c'era dietro, della politica dello zaire, dei pugili, dei giornalisti presenti... davvero coinvolgente.

      Elimina
  3. Grande film per un match da leggenda. Mitico!

    RispondiElimina