16 dicembre 2013

Le Streghe di Salem - Rob Zombie

le streghe di salemCome qualcuno forse già sa, io sono un fan del Signor Zombie. Ho adorato moltissimo i suoi film precedenti (sì, anche Halloween 2) ed è l'unico presente con l'intera discografia nel mio ipod. Sono conscio di perdere un pelo di obiettività quando debbo parlare del suo lavoro e so anche che il film non è fatto per essere apprezzato da tutti.

Le Streghe di Salem è una pellicola molto particolare, lontano anni luce dagli usuali film del terrore,  un vero proprio melting pot di tutta l'iconografia horror. È film dove Zombie riversa tutto il suo immaginario, una sorta di mega videoclip dove può, liberamente e senza alcun freno, sprigionare le immagini con l'unico scopo di disturbare lo spettatore il più possibile. Forse Le Streghe di Salem non è da considerare neanche come film in senso lato (difatti la sceneggiatura è più che altro accentuata) ma più come un circo degli orrori, una sorta di viaggio all'interno dell'incubo, un'evocazione per immagini di ciò che Zombie fa con la musica da decenni. Molto di quello che vediamo è roba masticata più volte e risputata in altra forma, non una veste nuova ma una vera e propria vivisezione. La storia, le inquadrature, le atmosfere e perfino gli attori sono in tutto e per tutto un riciclo del passato. Sembra che Zombie abbia preso elementi random, forse il meglio o il più suggestivo, e li abbia prima shakerati per bene, poi filtrati attraverso lame taglienti, in seguito versato il contenuto rimanente dentro un bicchiere e poi abbia scagliato quest'ultimo contro una parete. 

Questo è Le Streghe di Salem e a dispetto di tutti i discorsi che si sono fatti e che si faranno a riguardo, tra gli amanti incondizionati e i detrattori, la questione è molto molto semplice... o si è dentro oppure no!

IMDb

13 commenti:

  1. Hai adorato anche la casa dei 1000 corpi???

    RispondiElimina
  2. Io oppure si...adoro questo film...eh eh uno dei pochi difensori a spada tratta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande il Bradipo... non so tu, ma io sono un po' dispiaciuto per questi miscredenti :P

      Elimina
    2. grande frank io adoro Rob sia come regista che come cantante, dal vivo è uno spettacolo, questo film non è ai livelli degli altri film di Robertone ma è cmq molto interessante, cupo, folle, raffinato e squisitamente blasfemo. Le critiche di alcuni sono ridicole e dettate dalla solita spocchiosa puzza sotto il naso, mi fanno solo ridere, non le critiche di tutti eh, perchè posso capire che un film così strano non piaccia a tutti, ma ho letto cose in giro da mettersi le mani nei capelli, ma vabbè amen, il film ha diviso, ma non guardate solo la blogsfera, in rete, sia da noi che all'estero è piaciuto assai, su ciak o nocturno ad esempio è stato elogiato (forse anche troppo eh) ma un esperimento del genere secondo me merita rispetto.

      Per me cmq il suo top restano i due stupendi e crudelissimo Halloween ;-)

      Elimina
    3. pure io ho letto veramente di tutto su questo film, dalle critiche per blasfemia a quelle per autorialismo mancato a tante altre. essendo comunque un film molto particolare è difficile dire cosa sia giusto o sbagliato, perché questa volta più che mai è per la maggior parte basato su sensazioni. quel che è sicuro è un film che divide e che rientra nel classico "piace o non piace".

      comunque cinematograficamente parlando, per me, il suo meglio rob l'ha dato con la casa dai 1000 corpi e soprattutto con la casa del diavolo!

      Elimina
    4. beh le accuse di blasfemia le ha fatte solo quel prete ciellino idiota di ferrara, prete che è stato poi giustamente criticato da tutti, purtroppo i bigotti ci sono sempre, ma son sempre meno se ci fai caso, pensaci anni fa un film come questo avrebbe fatto uno scandalo enorme, si sarebbero sollevate proteste dal mondo ecclesiastico come con la saga di dan brown, ma per fortuna i tempi sono cambiati ;-)

      Io avendo parecchio in antipatia chiesa e religioni varie, la blasfemia è un altro punto a favore per questo filmozzo ;-)

      Elimina
  3. Un premio che fa discutere...dietro c'è l'ombra della grande amicizia che lega Frank al regista da anni!!!!!! BASTA BROGLI agli spicci!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È uno scandalo!!! Siamo indignati tutti!!!

      Elimina
  4. Adoro questo film. Uno di quei casi in cui bisogna prendere appunti o rivederlo una decina di volta per comprendere i collegamenti tra immagini, suoni e dialoghi.

    E' un film sulla rielaborazione della realtà nei sogni e sulla fragilità della mente, tutto il resto è una copertura.

    "Why The Goat?"

    RispondiElimina