09 dicembre 2013

Now You See Me - Louis Leterrier

now you see me
Louis Leterrier era un tipetto francese che stava crescendo abbastanza bene, si era fatto le ossa in alcune produzioni di Luc Besson per poi debuttare con Danny the Dog, al quale seguì Transporter: Extreme. Un inizio scoppiettante, pieno di botte e di discrete promesse... poi però è cominciato il torpore. I primi segni sono arrivati con L'Incredibile Hulk, si sono ampliati con Scontro tra Titani e normalizzati con questo Now you see me.

Vedendo Now you see me la prima cosa mi è venuta in mente è che Nolan può dormire sogni tranquilli, dal momento che il suo The Prestige mantiene ancora ben saldo lo scettro di miglior film sui maghi degli ultimi 10/15 anni(?). Now you see me, difatti, è un film che sembra una versione magica di Ocean's Eleven e a pensarci gli elementi ci sono più o meno tutti, compreso un cast di un certo appeal. Non che alla fin fine sia brutto o inguardabile, ce sicuramente di peggio in giro e l'idea generale aveva anche un che di affascinante, ma il fatto è che questo risulti essere anonimo, con un'estetica prevedibile e con uno sviluppo fin troppo meccanico. 

Now you see me è per certi versi anche sfuggente per via della sua duplice anima, da una parte troviamo la seriosità del thriller e dall'altra la giocosità della cazzata... la verità starà nel mezzo? Forse, di certo c'è solo che si dimentica facilmente.

IMDb

6 commenti:

  1. Piacevole e divertente: per quanto The prestige stia su un altro pianeta, un prodotto ben riuscito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorrei precisare innanzitutto questo e the prestige sono imparagonabili e l'unico punto in contatto è dato dalla presenza di "maghi". tornando a now you see me, io l'ho trovato si divertente ma anche assolutamente medio e privo di vera verve, insomma un filmettino che fa passare la serata ma che si dimentica fin troppo in fretta.

      Elimina
  2. concordo con Ford. e secondo me il segreto è proprio nella sua anima duplice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici? allora deve essere vero che la verità è nel mezzo... io ho trovato quasi "faticoso" il cercare di dargli un'identità, considerarlo per il versante thriller o per la commedia? non che sia la prima volta che i due generi si intersecano ma stavolta, non so perché, ho trovato il mix forse poco omogeneo. ma chissà, probabilmente è proprio il mio volergli dare un'identità (o quel che è) ad essere sbagliato O.o

      Elimina
  3. D'accordo con te, Ford e Dantes.. film carino ma The Prestige è un'altra cosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. su questo possiamo esserne più che certi ;)

      Elimina