02 dicembre 2013

Venere in pelliccia - Roman Polanski

Dopo il poco graffiante Carnage, Roman Polanski mette nuovamente in film un'opera teatrale. In quest'ultima fatica però l'estro del regista (quasi materializzato da un Mathieu Amalric che fisicamente lo ricorda tantissimo) si fa più preponderante e sicuramente più accattivante.

Difficile capire se ciò a cui assistiamo sia tutto frutto dell'immaginazione e della suggestione del personaggio di Thomas o se l'audizione di Vanda sia "reale". Costei, che all'inizio rappresenta l'incarnazione di ciò che l'autore teatrale più odia, si trasforma ben presto in ossessione. La finzione del testo si interseca più volte con la realtà filmica, più volte durante la prova Vanda chiede a Thomas se l'opera da lui adattata sia autobiografica e più volte lui nega con una convinzione che però, a mano a mano che il minutaggio avanza, si fa sempre meno certa fino ad arrivare a un vero e proprio ribaltamento di ruoli che manda tutto in confusione tanto da far sembrare questo Venere in pelliccia come una vera e propria trasposizione visiva del "perturbante" e/o di quel "dualismo effettivo" esplicato da Freud

Magnifiche sono le interpretazioni dei due attori, del già citato Amalric e soprattutto da Emmanuelle Seigner nella parte di Vanda, la quale si concede quasi totalmente all'occhio del marito. Polanski registicamente non sembra sentire il peso dell'unità di luogo del teatro, questo viene sfruttato in lungo e in largo e diventa anch'esso metafora dell'alternarsi di finzione e realtà, rappresentati da un palco (luogo della finzione) e una galleria (luogo del reale) che finiranno a loro volta per intersecarsi.

Un film a tratti beffardo, a tratti anche claustrofobico, a tratti logorroico a tratti persino masochistico che, nonostante conti la presenza di due soli attori e di un'unica location, riesce a tenere lo spettatore inchiodato alla poltrona.

IMDb

12 commenti:

  1. Se anche tu mi confermi un ritorno di Polanski dopo lo spento Carnage, mi ci butto! :)

    RispondiElimina
  2. Io avevo adorato Carnage ma purtroppo Venere in pelliccia non è uscito da me e non riesco a reperirlo in nessun modo... me tapina!! ç__ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi spiace, mi sa che ti toccherà aspettare l'uscita in home video :(

      Elimina
    2. Non sei l'unica... Qua dalla Queen per ora hanno distribuito Giovane e bella e Blue is the warmest color (la vita di Adèle, misteri delle traduzioni). Per ora imperversa Thor, Hunger Games e Tom Hanks che fa il papà di Topolino. Sorbole! ;-(

      Elimina
    3. vabbé dai, dalle parti vostre il 6 esce il film con Statham che prende a sberle James Franco :P

      Elimina
  3. ce l'ho in lista e dopo il tuo parere positivo l'attesa sale sempre di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono certo che ti piacerà, nel caso contrario è un film che comunque non lascia indifferenti.

      Elimina
  4. Proprio oggi ne ho scritto anche io. La tua recensione però mi ha dato nuovi spunti di riflessione :D

    RispondiElimina
  5. oh frank, scusa l'assenza ora sono di nuovo da te, (ho avuto il pc guasto :( ) si questo venere in pelliccia mi stimola, lo voglio vedere...:) di Polanski poi sono anche fan...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che hai risolto i problemi col pc :)
      vedilo, polanski merita sempre.

      Elimina