12 marzo 2014

La fine del mondo - Edgar Wright

E così si concluse la trilogia dei tre colori di Wright, la Trilogia del cornetto ovvero la The Three Flavours Cornetto Trilogy

Tutto cominciò con quel capolavoro che porta il nome di Shaun of the dead, in seguito arrivò il secondo capitolo, anch'esso un capolavoro, Hot Fuzz e infine ecco il terzo ed ultimo capolavoro La fine del mondo. Gli appassionati di Wright, quindi della trilogia, sapranno benissimo che il cornetto non è l'unico elemento che ritorna nei tre film e difatti ne La fine del mondo vediamo palesarsi gli stessi attori dei precedenti così come molte gag (la staccionata, bevute al pub, i gemelli). L'irriverenza comica di Wright e soci questa volta va a toccare la fantascienza giocando parecchio con gli archetipi del genere e in particolare con quelli che riguardano film di invasioni aliene e fine del mondo - es: sermone distopico, sostituzione/evoluzione del genere umano con relativa rinascita/miglioramento, sudditanza all'alieno, estremo sacrificio, ricostruzione della civiltà, il fascino del lato oscuro...
Esattamente come avevano fatto con l'horror e il poliziesco, a modo loro, li hanno usati tutti.

L'unica cosa che forse risulta minore è la verve comica, non che non ci sia, ma è viene molto attutita dal senso generico di fine dei giochi e dal "questo è quanto, ci siamo divertiti ma tocca andare avanti". E proprio Pegg con il suo personaggio incarna questa crescita e maturazione, affrontando definitivamente il suo passato (ovvero il pub crawl mai finito) decidendo di crescere definitivamente. 

La fine del mondo è forse il canto del cigno di Wright e i suoi... però che gran bel canto!

8 commenti:

  1. Hai ragione su tutto, sia sulla definizione di capolavoro che per quel senso di "fine" (e non solo del mondo) che incombe su ogni scena del film, permendolo di una malinconia che lo rende ancora più bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la speranza che non sia una vera fine e che wright, pegg e frost continuino a lavorare assieme

      Elimina
  2. Film stupendo, conclusione perfetta di una Trilogia perfetta.
    E ci sta anche la vena malinconica, secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, la vena malinconica ci sta tutta ;)

      Elimina
  3. Si, canto del cigno. Devo dire che e' quello che mi è piaciuto meno della trilogia. SOTD in pole position come miglior film di zombie degli ultimi 10 anni. Questo l'ho trovato un po' tirato per i capelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che Shaun sia uno dei migliori film di zombie degli ultimi 10 anni non credo vi siano dubbi... io azzarderei, e senza paura, anche degli ultimi 20 anni.

      Elimina
  4. Già un cult che mi ha permesso di scoprire questa geniale trilogia!

    RispondiElimina