27 maggio 2014

Io ho paura - Damiano Damiani

io ho paura
Io ho paura pur facendo parte del cinema poliziesco italiano degli anni '70 (conosciuto anche come poliziottesco) da esso se ne distacca, poiché in realtà è un ibrido tra il genere dei commissari di ferro e il cinema politico di Rosi e Petri

Senza esagerare oserei dire che con molta probabilità la pellicola di Damiani è quella che meglio testimonia il clima di tensione, di intrighi e di paura degli anni di piombo, tanto da essere, per certi versi, addirittura profetico di molti fatti che accadranno in seguito.

Ancora più interessante è inoltre la figura del questurino interpretato da Volonté, specialmente se si considera il parallelismo e il cambiamento con il commissario ebbro di potere interpretato, 7 anni prima, dal grande attore nel capolavoro Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto. In Io ho paura il brigadiere Graziano è ormai una persona stanca e disillusa, egli esprime più volte la sua paura e prova in tutti i modi a salvare, dissuadendolo dal portare avanti le indagini, il magistrato che deve proteggere così da proteggere se stesso. Graziano è un poliziotto molto lontano dai vari Merli e Merenda, sbirri archetipi del genere popolare che prendevano di petto crimini e criminali fregandosene delle regole e della propria incolumità, e la sua è una lontananza che si manifesta non solo nei modi di agire ma anche nel modo di apparire, ovvero ben distante dall'impeccabilità della mise sfoggiata a petto in fuori dai sopracitati.
 
Io ho paura è un gioco a incastri, un incubo destinato a ripetersi dove il povero e spaventato brigadiere si inserisce beffardamente e senza possibilità alcuna, lasciando a noi un senso di sconfitta e rassegnazione.

Un grande film da vedere e rivalutare.
IMDb

0 commenti:

Posta un commento