26 maggio 2015

Fuga di cervelli


Ho visto l'esordio cinematografico di Paolo Ruffini, Fuga di cervelli.

Come sono arrivato a tanto ve lo spiego subito.
Un po' di tempo fa mi ha contattato un giovine laureando che mi ha chiesto un'intervista per la sua tesi (molto, ma molto, interessante) sulla critica. Dopo lo spiazzamento iniziale, gonfio di ego ho accettato e quindi risposto alle domande. Fin qui niente di ché, a parte la mia vanità a pompa e l'aver detto spocchiosamente a chiunque mi capitasse d'avanti che "a me mi vogliono nelle tesi di laurea" a cui seguivano, in genere risposte tipo "sticazzi". 
Sta di fatto che nella mia euforia da intervistato, ragionando sulla presunzione di molti critici di non considerare film ritenuti "bassi" ho detto questa cosa: "Insomma dov'è la differenza tra Moravia che ignorava I soliti ignoti e i Don Camillo, e un blogger di oggi che ignora un film di Siani?".
Vi starete chiedendo, che c'entra Ruffini? C'entra eccome dal momento che io, preso da un'irrefrenabile senso di coerenza, al grido di "non posso predicare bene e razzolare male" e senza controllare le mie stesse parole, ho preso il film di Ruffini e me lo sono visto.

Prima però sono andato a leggere cosa si diceva in giro dell'esordio dell'artista livornese, che ha comunque racimolato quasi 5 milioni al botteghino, e le premesse non erano delle migliori. La critica ufficiale nel modo più soavemente possibile ha stroncato questo Fuga di cervelli, mentre il pubblico dei siti di streaming pirata ci è andato giù in maniera più pensante arrivando i più di un'occasione a considerare il film di Ruffini specchio dell'intero Paese. 
Ecco esempi presi a caso:



Ma come sara davvero questo Fuga di cervelli
Per me è un qualcosa di indefinibile. Un qualcosa che sicuramente non ha niente a che fare con il cinema né tanto meno con i video di gente ubriaca che gira su internet.

Caro Paolino, che intenzioni avevi? Volevi fare qualcosa di demenziale simil American Pie o Road Trip
Non ci sei riuscito.


Ps - Di Siani che mi consigliate?

7 commenti:

  1. siani? gesussanto, ma perché farsi del male con uno che pensa di essere Troisi e che, solo per questo, meriterebbe bastonate? qualche tempo fa ho beccato in uno dei miei rari raid televisivi "La seconda volta non si scorda mai", dove siani recita con la canalis e ruffini (ebbene sì, tieniti forte!). ho retto un quarto d'ora: a parte il fatto che non fa ridere, da notare la sciatteria della confezione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruffini e Siano? Una combo dagli effetti catastrofici... quasi quasi

      Elimina
  2. A sto' punto meglio Checco Zalone. Che, piovono pietre? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salone è di tutt'altro livello, io azzarderei un "meglio Boldi e De Sica"

      Elimina
  3. Grandissimo!!! Sei sempre il migliore, Frank. Certo che la fase Boldi, solo senza De Sica, è qualcosa di incredibile, va oltre...Comunque, il film di Siani citato da Dantès è un film di fantascienza. La Canalis fa l'avvocato. Ciao Grande!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande il Belushi! Sempre troppo buono... questa rivelazione circa il ruolo della Canalis rende il film ancora più intrigante. Sento puzza di scult

      Elimina